Come creare un chatbot

Come creare un chatbot

Almeno una volta nella vita avrai interagito con un chatbot, un assistente che ti chiama per nome, intrattiene conversazioni, capisce le tue esigenze e risponde ai tuoi messaggi in modo pertinente.

Questo strumento è in grado di automatizzare e velocizzare i servizi di customer care, rispondendo in modo rapido e preciso alle domande dei clienti.

Alla luce della nuova rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo, adottare un chatbot nel proprio business è indispensabile. Le aziende che utilizzano questa tecnologia sono circa l’80% e non averla a disposizione significa farsi superare dai competitor e non offrire al pubblico un servizio adeguato alle sue esigenze.

Ti stai chiedendo come scegliere il chatbot più indicato secondo le tue necessità? Allora rivolgiti a noi di Humable che operiamo da anni in questo settore. Il nostro smartbot risponde in tempo reale alle esigenze dei tuoi clienti, estrae le informazioni disponibili e le rielabora per fornire la risposta più indicata.

Sappiamo come creare un chatbot su Telegram, Messenger, siti web ed app in modo da adattarlo al canale che preferisci utilizzare per comunicare con i tuoi clienti.

Cos’è un chatbot?

Chatbot

Prima di capire come creare un chatbot, è opportuno comprendere cos’è. Si tratta di un programma basato sull’intelligenza artificiale in grado di simulare una conversazione con un essere umano tramite testo o voce. Ci sono le risposte preimpostate e quelle che si sviluppano nel tempo grazie all’apprendimento “smart”. In pratica lo smartbot è in grado di imparare autonomamente.

Negli ultimi anni sono stati fatti notevoli miglioramenti, infatti i chatbot sono in grado di comprendere il linguaggio conversazionale e di conoscere le interazioni che cambiano di volta in volta tramite il machine learning.

I vantaggi di un chatbot

I chatbot migliorano la produttività dell’azienda ed offrono una serie di benefici e vantaggi che sgravano le risorse umane da una serie di compiti noiosi e ripetitivi, potendo così concentrarsi maggiormente sulle loro mansioni principali.

Questi dispositivi funzionano in maniera perfettamente autonoma e non hanno bisogno di figure umane, quindi ottimizzano i tempi e le risorse a disposizione. Sono attivi 24h e possono fornire assistenza e supporto ai clienti in qualsiasi ora.

Le risposte ed i flussi sono già impostati, quindi il tasso di precisione garantito dai chatbot è elevatissimo e gli utenti riceveranno il miglior riscontro possibile in poco tempo.

La creazione di un chatbot: i 5 step

A questo punto non ci resta che scoprire come creare un chatbot da zero, operazione che richiede almeno 5 step fondamentali: messaggio di benvenuto, definizione delle FAQ, relazione delle FAQ, implementazione della grafica e corretto utilizzo dei termini.

Il messaggio di benvenuto

Il messaggio di benvenuto deve presentare il chatbot, spiegare chi è e cosa fa. Generalmente in questo messaggio il chatbot si presenta come un supporto per cercare il prodotto più indicato, dare informazioni su offerte in corso o fornire consigli per gli acquisti per stimolare da subito la conversazione. Il messaggio non deve essere troppo invasivo ed il chatbot deve essere una presenza discreta e rassicurante, sempre disponibile in caso di necessità.

Definizione delle FAQ

Le FAQ sono le Frequently Asked Questions, cioè le domande sottoposte con maggior frequenza dagli utenti. Bisogna innanzitutto fare una lista delle FAQ, affinché lo smartbot sia in grado di fornire risposte adeguate alle domande tipiche. Inoltre bisogna raggruppare domande che, anche se poste in maniera ed in termini diversi, richiedono la stessa risposta.

Messa in relazione delle FAQ

Dopo aver stabilito le FAQ, è utile metterle in relazione tra di loro così da poter prevedere in anticipo le possibili domande future. Se ad esempio un cliente chiede “come effettuare il pagamento?” è probabile che successivamente voglia sapere se è possibile pagare con Paypal, con bonifico bancario, con carta di credito ecc.

L’implementazione dell’interfaccia

Il chatbot non veicola solo testi, ma anche immagini e video e quindi bisogna curare l’interfaccia e l’aspetto estetico. Alcune aziende utilizzano avatar, disegni, figure di cartoni animati o visi umani per rendere la conversazione più accattivante e divertente.

L’implementazione della parte visuale può risultare la mossa vincente per distinguerti dai tuoi competitor. Inoltre un chatbot personalizzato con colori e forme specifiche e dall’estetica suggestiva resta maggiormente impressa nella mente del cliente, ottimizzando anche la brand identity dell’azienda.

Scegli attentamente i termini

Se vuoi fare davvero la differenza, devi fare un’attenta azione di copywriting creando un flusso conversazionale basato sulle finalità e sui servizi offerti dall’azienda. In base alla tipologia di interazione che vuoi creare con il tuo target di pubblico, devi simulare e personalizzare un linguaggio naturale basato su frasi brevi e semplici sfruttando la tecnologia NLP. In questo modo riesci a fidelizzare i tuoi clienti e contemporaneamente a rafforzare la posizione del brand sul mercato.

Noi di Humable ci affidiamo all’automazione garantita da Uipath, che consente ai tuoi dipendenti di focalizzarsi sulle attività di maggior valore ed incrementa i risultati della tua azienda rendendo le applicazioni più intelligenti.

Il nostro staff preparato e qualificato è pronto a supportarti e rispondere alle tue domande per sciogliere ogni dubbio.

Contattaci subito!

 

Partner

Copy link
Powered by Social Snap